energia e natura - una sfida eterna

Fig.: 1968 on route 66 to California (above). In the USA especially the national parks attracted me.

1990 I led an expedition to the arctic Bear Island (below). The aim was to study fossils of the first tall trees (they grew 360 Mio years ago), in order to find out, how they learned to pull water up to the tree-tops using solar energy.

l’esperienza della natura

Per uno scienziato è di grande opportunità conoscere la viva realtà del nostro contesto ambientale. Altresì motivato dall’obiettivo di trovare esempi per le mie ricerche bio-mimetiche, ho visitato regioni selvagge in tutto il mondo. Momenti culminanti sono stati le zone lungo la Highway Panamericana, le isole Galàpagos, il bacino amazzonico, il Gran Chaco e la Patagonia. In Africa non ho solo visitato le riserve tra Kenya e Namibia, ma ho fatto anche ricerche nei deserti del Namib e del Kalahari. Durante escursioni nella zona dell’Himalaya, sia nella regione del Nepal che in quella tibetana, ho studiato forme di adattamento a condizioni ambientali estreme. Durante un viaggio lungo la Via della Seta tra il Pakistan e Pechino ho conosciuto i monti e i deserti dell’Asia centrale. Ho visitato alcune zone selvagge e deserte sudasiatiche in India (Western Ghats), il Myanmar e la Cambogia. Anche numerose regioni allo stato naturale in Australia, Nuova Zelanda e su isole del Pacifico hanno attirato la mia attenzione. Sono stato a capo di una spedizione sull’isola degli Orsi nel mare artico di Barents. Queste mie attività di ricerca a stretto contatto con la natura mi sono state di grande aiuto nell’affrontare rilevanti questioni interdisciplinari.
Sono dell’opinione che dobbiamo risolvere i nostri problemi globali tramite esperienze reali e una migliore comprensione della natura e del contesto ambientale e non affrontandoli all’interno di una “realtà virtuale”.
Nel 1980 sono stato nominato “fellow international” dall’Explorer’s Club a New York.

Foto in alto: sulla Route 66 verso la California nel 1968. Di grande attrattiva sono stati per me soprattutto i parchi nazionali.
Foto in basso: nel 1990 sono stato a capo di una spedizione sull’isola degli Orsi nell’Artide, con l’obiettivo di studiare i fossili dei primi alberi a fusto alto (crebbero 360 milioni di anni fa) e di scoprire come siano riusciti a risucchiare l’acqua fino alla loro punta tramite l’energia solare.